Francesco Carbone e la fogna Italia.

 

Mi chiamo Francesco Carbone e vi scrivo pubblicamente dopo avervi scritto in privato molte volte senza ricevere alcuna risposta seria da parte vostra e le poche risposte che mi avete dato sono solo vergognose”. Così inizia la lettera aperta datata 3 ottobre e inviata da Francesco Carbone a “Tutte le autorità dello Stato e ai mezzi d’informazione”. E’ una lettera infuocata: “codardi”, “massoni”, “mafiosi”, “mi fate schifo”, ma anche se sembrano parole un po’ forti, un motivo per scriverle c’è ed è validissimo.

Prima di tirare le somme della vicenda però, la illustrerò così come la racconta Francesco e così come è testimoniata dai documenti ufficiali da lui diffusi. Brevemente:

Per sette anni Francesco Carbone è stato il responsabile per Verona della ditta che ha l’appalto di Poste Italiane. Ad un certo punto Francesco inizia a lamentarsi per la mancanza assoluta di sicurezza e igiene sul posto di lavoro, l’obbligazione a fare lavori che, per contratto, non gli competevano, la presenza di lavoratori pagati in nero, straordinari sottopagati in nero, mezzi di trasporto mal messi e spesso senza revisione, estorsione di denaro agli autisti prelevato dalle loro buste paga sotto forma di rimborsi, continui insulti e minacce da parte del personale e dei dirigenti di Poste Italiane.                 La situazione è insostenibile e gravissima quindi Francesco decide di denunciare la cosa, per primo ad un dirigente della Cgil, che però oltre a non fare nulla gli consiglia di non “disturbare” gli alti dirigenti di Poste italiane. Non è finita. Vista la perseveranza di Francesco, il dirigente riferisce a tutti gli autisti della ditta che per colpa sua perderebbero il lavoro, creando attorno al denunciante il vuoto.                                                                                                                         La seconda denuncia che scrive Francesco Carbone è all’Ispettorato del lavoro. Denuncia la presenza di lavoratori in nero con tesserino identificativo fornito dai dirigenti di Poste italiane. Il direttore ordinario della Procura di Verona Palumbo non procede con l’ispezione perché ha forti dubbi sulla veridicità di quanto affermato da Francesco, senza verificare alcunché e senza denunciarlo per false informazioni a pubblico ufficiale.                                                                                           La USL di Verona, dopo la denuncia per le irregolarità riguardanti sicurezza e igiene, e soprattutto dopo la minaccia di denuncia (contro di loro) per omissione di atti di ufficio da parte di Francesco, esegue solo qualche controllo, senza lavorare realmente per concludere le indagini.                                                                                                                La quarta e ultima sconfitta per Francesco Carbone arriva quando, dopo mesi di collaborazione con i Servizi Segreti e la Guardia di Finanza, non si svolgono i controlli sull’evasione fiscale denunciata e addirittura si tenta di far ritardare la denuncia che doveva presentare in Procura.

Francesco è costretto a dare le dimissioni in seguito a minacce e vessazioni di stampo mafioso ricevute dai dirigenti della ditta appaltante e di Poste italiane, appoggiati, come dichiarato da loro stessi, dalla politica e dalla (mala)giustizia. Ciliegina sulla torta, il Direttore del Triveneto di Poste italiane manda una raccomandata al datore di lavoro di Francesco per interdirgli l’entrata in tutti gli uffici di Poste italiane.

Però, testardo, indignato, Francesco è stanco di quell’Italia che è solo “spaghetti e mandolino” e decide di denunciare con video, foto, registrazioni e documenti ufficiali ad una Procura della Repubblica i gravi reati penali che si stavano perseguendo in Poste italiane. Dalla presentazione della denuncia sono passati 17 mesi e 8 giorni quando il Capo della Procura Schinaia decide di archiviarla senza nemmeno avvisare Francesco né interpellare il Gip, come prevede la legge.

Francesco presenta altre nove denunce, scrive a svariati Ministri e a tantissimi giornali, tv e blog. Praticamente niente e nessuno hanno il coraggio di raccogliere le denunce fatte da Francesco e aiutarlo a diffondere la sua vicenda. Se non qualche spiraglio di libertà.

Il finale della storia non è a lieto fine, soprattutto perché siamo nella vita reale e non basta svegliarsi per far finire l’incubo: Francesco si è dovuto trasferire in Sicilia con tutta la sua famiglia, è a oggi disoccupato da 2 anni, e si chiede se “secondo voi è giusto e normale in una Nazione definita civile, perdere il posto di lavoro, perdere la dignità, perdere il diritto di avere giustizia per aver fatto il mio dovere e aver preteso i miei diritti?”

Una fogna che chiamano Paese, Nazione, Italia. E noi tutti che ci viviamo in questa fogna e pur di non sentirne il puzzo cerchiamo di puzzare più di lei. Mentre chi, come Francesco, ha ancora il coraggio di denunciare.

Mi chiamo Francesco Carbone e vi scrivo pubblicamente dopo avervi scritto in privato molte volte senza ricevere alcuna risposta seria da parte vostra e le poche risposte che mi avete dato sono solo vergognose”. Così inizia la lettera aperta datata 3 ottobre e inviata da Francesco Carbone a “Tutte le autorità dello Stato e ai mezzi d’informazione”. E’ una lettera infuocata: “codardi”, “massoni”, “mafiosi”, “mi fate schifo”, ma anche se sembrano parole un po’ forti, un motivo per scriverle c’è ed è validissimo.

 

Prima di tirare le somme della vicenda però, la illustrerò così come la racconta Francesco e così come è testimoniata dai documenti ufficiali da lui diffusi. Brevemente:

 

Per sette anni Francesco Carbone è stato il responsabile per Verona della ditta che ha l’appalto di Poste Italiane. Ad un certo punto Francesco inizia a lamentarsi per la mancanza assoluta di sicurezza e igiene sul posto di lavoro, l’obbligazione a fare lavori che, per contratto, non gli competevano, la presenza di lavoratori pagati in nero, straordinari sottopagati in nero, mezzi di trasporto mal messi e spesso senza revisione, estorsione di denaro agli autisti prelevato dalle loro buste paga sotto forma di rimborsi, continui insulti e minacce da parte del personale e dei dirigenti di Poste Italiane.

 

La situazione è insostenibile e gravissima quindi Francesco decide di denunciare la cosa, per primo ad un dirigente della Cgil, che però oltre a non fare nulla gli consiglia di non “disturbare” gli alti dirigenti di Poste italiane. Non è finita. Vista la perseveranza di Francesco, il dirigente riferisce a tutti gli autisti della ditta che per colpa sua perderebbero il lavoro, creando attorno al denunciante il vuoto.

La seconda denuncia che scrive Francesco Carbone è all’Ispettorato del lavoro. Denuncia la presenza di lavoratori in nero con tesserino identificativo fornito dai dirigenti di Poste italiane. Il direttore ordinario della Procura di Verona Palumbo non procede con l’ispezione perché ha forti dubbi sulla veridicità di quanto affermato da Francesco, senza verificare alcunché e senza denunciarlo per false informazioni a pubblico ufficiale.

La USL di Verona, dopo la denuncia per le irregolarità riguardanti sicurezza e igiene, e soprattutto dopo la minaccia di denuncia (contro di loro) per omissione di atti di ufficio da parte di Francesco, esegue solo qualche controllo, senza lavorare realmente per concludere le indagini.

La quarta e ultima sconfitta per Francesco Carbone arriva quando, dopo mesi di collaborazione con i Servizi Segreti e la Guardia di Finanza, non si svolgono i controlli sull’evasione fiscale denunciata e addirittura si tenta di far ritardare la denuncia che doveva presentare in Procura.

 

Francesco è costretto a dare le dimissioni in seguito a minacce e vessazioni di stampo mafioso ricevute dai dirigenti della ditta appaltante e di Poste italiane, appoggiati, come dichiarato da loro stessi, dalla politica e dalla (mala)giustizia. Ciliegina sulla torta, il Direttore del Triveneto di Poste italiane manda una raccomandata al datore di lavoro di Francesco per interdirgli l’entrata in tutti gli uffici di Poste italiane.

 

Però, testardo, indignato, Francesco è stanco di quell’Italia che è solo “spaghetti e mandolino” e decide di denunciare con video, foto, registrazioni e documenti ufficiali ad una Procura della Repubblica i gravi reati penali che si stavano perseguendo in Poste italiane. Dalla presentazione della denuncia sono passati 17 mesi e 8 giorni quando il Capo della Procura Schinaia decide di archiviarla senza nemmeno avvisare Francesco né interpellare il Gip, come prevede la legge.

 

Francesco presenta altre nove denunce, scrive a svariati Ministri e a tantissimi giornali, tv e blog. Praticamente niente e nessuno hanno il coraggio di raccogliere le denunce fatte da Francesco e aiutarlo a diffondere la sua vicenda. Se non qualche spiraglio di libertà.

 

Il finale della storia non è a lieto fine, soprattutto perché siamo nella vita reale e non basta svegliarsi per far finire l’incubo: Francesco si è dovuto trasferire in Sicilia con tutta la sua famiglia, è a oggi disoccupato da 2 anni, e si chiede se “secondo voi è giusto e normale in una Nazione definita civile, perdere il posto di lavoro, perdere la dignità, perdere il diritto di avere giustizia per aver fatto il mio dovere e aver preteso i miei diritti?”

 

Una fogna che chiamano Paese, Nazione, Italia. Noi tutti ci viviamo in questa fogna e pur di non sentirne il puzzo, cerchiamo di puzzare più di lei.

Annunci
    • Alberto Gramaccini
    • 9 dicembre 2010

    Italia, s’io fossi foco t’arderei tutta.

    • marco
    • 10 dicembre 2010

    ciao perche’ nn contatti il fattoquotidiano magari ti danno una mano

    • Claudia Parmeggiani
    • 12 dicembre 2010

    CAro Francesco… sono solo una tua amica di FB… più di condividere non sono stata in grado di fare… Coraggio! Nonna Claudia

    • MariaGrazia
    • 12 dicembre 2010

    Anche io, come Marco, penso che dovresti rivolgerti ad un mezzo di informazione che possa avviare un’inchiesta. Non sei certo la sola persona che abbia vissuto un’esperienza del genere. Ora non ne ricordo il nome ma qualcuno ha scritto un libro su un’esperienza simile; mi sembra che sia stato ospite di Augias. Insultare l’Italia intera non serve a niente; anche tu sei L’Italia, anche noi che vorremmo appoggiarti. Ciao.

      • Giovanni Ugo
      • 12 dicembre 2010

      Claudia e Marco, vi rispondo in vece di Francesco. Ha provato in ogni modo a contattare, anche grazie a noi che facciamo parte della comunità di sostegno che ha creato su Fb, i media nazionali. NESSUNO, lo ha degnato di risposta, tranne qualcuno che lo ha liquidato. Ieri per esempio gli è arrivato il rifiuto di Striscia la notizia con motivazioni futilissime. Magari segnalando questa notizia in modo massivo ai giornali liberi riusciremo a farla passare! (:

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: