I soldi di Dio.

“Le nostre Chiese sono chiamate, oggi più che mai, a diventare esempio e modello da seguire”. Leggendo la riga finale del Libro bianco sugli interventi caritatevoli a favore del terzo Mondo, edito dalla Conferenza Episcopale Italiana, non ci si aspetterebbero notizie come quelle che seguono. Ascoltando il discorso che Joseph Alois Ratzinger alias Benedetto XVI ha pronunciato nella sua visita londinese dal 16 al 19 settembre scorso, non si potrebbero nemmeno immaginare. Eppure, proprio in quel viaggio, è successo qualcosa che ha contraddetto tutte le parole. Ci sono belle parole contro fatti perlomeno disdicevoli. Ora analizziamo i fatti. Tutto parte dal Guardian. Un bel giorno ad una bella ora, precisamente il 5 ottobre alle 10.36, sul sito del Guardian esce un articolo a firma Frederika Whitehead. Un altro bel giorno, precisamente il 3 febbraio, Tommaso Caldarelli riprende la notizia su Giornalettismo.com. Sembra strano, la visita papale a Londra è stata tra le più contestate nel decennio di “regno” del Papa tedesco. E già, per alcune precedenti visite, vi erano state aspre polemiche sui soldi, perché la notizia riguarda proprio i figli del Dio denaro, concessi dalla Corona Britannica alla Chiesa cattolica per coprire le spese delle visite papali. Però questa volta Elisabetta l’ha fatta un po’ troppo grossa. E qualche parlamentare, precisamente Malcom Bruce, presidente della commissione sullo sviluppo internazionale e Harriet Harman, momentaneo leader dei Laburisti, spulciando il bilancio del DIFD, il dipartimento per lo sviluppo internazionale del Governo britannico, hanno scoperto 10 milioni di sterline, questa la somma complessiva, destinati a coprire i costi della visita del Pontefice. Dicitura: “obiettivi allineati con i fini governativi per la visita papale”. Sarà, ma intanto sono stati sottratti 750mila sterline dal dipartimento degli Esteri e del Commonwealth. Il resto, di oltre nove milioni, è stato suddiviso tra altri cinque dipartimenti: ambiente, agricoltura ed affari rurali, decentramento e governo locale, educazione, sviluppo internazionale. Un milione e 850 mila sterline a testa. Due milioni e 200mila euro sottratti a ogni dipartimento. Il popolo, naturalmente, è insorto. E anche se un portavoce del dipartimento dello sviluppo internazionale ha spiegato che quei soldi erano “un riconoscimento del ruolo della Chiesa cattolica per l’importanza del suo contributo di servizi sanitari e di istruzione nei Paesi in via di sviluppo”, la richiesta di reintegro dei fondi sottratti non si è fermata.

Ciò che resta è la spesa e quindi i soldi, sottratti dai Paesi del terzo mondo, per pagare un viaggio che la grande e ricca Chiesa, senza dubbio, avrebbe potuto e dovuto pagarsi da sé. Almeno, in my opinion.

A proposito di viaggi, dobbiamo intraprenderne uno per parlare di un’altra notizia che ha fatto scandalo. Lasciamo il territorio londinese, oltrepassiamo la Manica, attraversiamo la Francia, svalichiamo le Alpi e “giù”, fino alla mitica città dei canali e delle gondole, la Serenissima, Venezia. Dove sulla scrivania del governatore leghista Luca Zaia è arrivata una lettera nientemeno che dai “Sarti dei Papi”, Stefano Zanella e Gianluca Scattolin . E, forse ispirandosi alle elemosine dei frati questuanti, una richiesta un po’ imbarazzante, che per fortuna è stata finora respinta. Per domenica 8 maggio è previsto che il Papa celebri la messa al Parco di San Giuliano di Mestre. Sarà un’occasione davvero importante, le stime parlano di affluenze fino a 500mila fedeli. Bisognerà vestirsi in modo adeguato. E pure il Papa non indietreggia. Nella lettera i due sarti pontifici stilano un elenco dettagliato di vestiti e annessi costi con annessi preventivi. Roba da far impallidire anche le sfilate di Dolce e Gabbana. Qualche numero. Casula, mitra, dalmatica per il Papa e quattro dalmatiche per i diaconi celebranti: 32mila euro. Per gli ottanta vescovi mitra, casula, croce pettorale, camice, amitto e cingolo: 105mila euro. Per le stole dritte degli altri mille sacerdoti: 70mila euro. Ci sono duecento diaconi? Duecento stole traverse: 14mila euro. 700 cotte per i rispettivi 500 chierichetti e 200 chierici: 21mila euro. Il “conto” è di 290mila 400 euro per circa 2400 pezzi di “maestranze esclusivamente venete con punte di eccezione quali le croci pettorali in vetro di Murano o i tessuti dei paramenti del Papa usciti dai telai di storiche botteghe veneziane”, come ci tengono a precisare i due sarti.

E poi, dicono, i soldi non hanno importanza.

 

Di Giovanni Ugo

Annunci
    • GIOVANNI
    • 15 marzo 2011

    ma smettila di scrivere delle stronzate !!! mi potresti dire dove prendi questi informazioni ?

      • Giovanni Ugo
      • 16 marzo 2011

      GIOVANNI, tutto ciò che ho scritto nell’articolo è facilmente verificabile con una semplice ricerca su Google.
      PS: evita perfavore l’utilizzo del turpiloquio, soprattuto se a giudizio di un lavoro che non hai voglia o capacità per capire.

      Giovanni Ugo.

    • GIOVANNI
    • 18 marzo 2011

    Mi daresti la cronologia dei siti dove hai trovato le informazioni?

    o sbora poco!

    • GIOVANNI
    • 18 marzo 2011

    Le spese del viaggio apostolico di Papa Benedetto XVI nel Regno Unito sarebbe stato coperte attingendo anche a fondi pubblici destinati alla cooperazione internazionale e agli aiuti all’Africa. Lo avrebbero appurato deputati del Parlamento esaminando la legge di bilancio dello scorso anno che ne hanno chiesto conto al governo Cameron. Che quei quattro giorni, dal 16 al 19 settembre dello scorso anno, conclusisi a Birmingham con la solenne celebrazione per la canonizzazione del cardinale Newton, siano stati un sorprendete successo per Papa Ratzinger è indubbio.

    Come pure che il viaggio sia stato costoso. Tanti gli spostamenti per il Papa e il suo seguito: da Edimburgo a Glasgow e poi da Liverpool a Londra e infine a Birmingham. Se già all’inizio del viaggio si sono registrate vivaci critiche anche all’interno della comunità cattolica per l’entità dei costi, ora le polemiche potrebbero riaccendersi.

    La visita sarebbe costata ai contribuenti del Regno Unito circa 10 milioni di sterline, più di quanto previsto inizialmente. Oltre ai costi a carico dell’erario vi sono stati quelli a carico della Chiesa cattolica (circa 7 milioni). Solo per le operazioni di sicurezza sarebbero stati spesi un milione e mezzo di sterline .

    La scoperta nella legge di bilancio. Ora, però, la polemica non è rivolta alla Chiesa, ma alle scelte del governo conservatore. Quello che emerge, infatti, da un esame dei dati di bilancio è che una parte delle spese, per un valore di circa 1,85 milioni di sterline (pari a 2,2 milioni di euro), sono state coperte utilizzando fondi pubblici destinati allo sviluppo dei Paesi poveri.

    Lo indica una relazione parlamentare britannica pubblicata ieri. I deputati hanno scovato questo finanziamento «un po’ sorprendente» spulciando i conti per il 2010 del Dipartimento per lo sviluppo internazionale (DfID). Un portavoce del DfID ha spiegato che l’attribuzione dei fondi alla visita papale era «un riconoscimento del ruolo della Chiesa cattolica per l’importanza del suo contributo di servizi sanitari e di istruzione nei Paesi in via di sviluppo». Un argomento non considerato convincente a Westminster.

    «Molta gente rimarrà sorpresa nello scoprire che denaro britannico destinato agli aiuti fu utilizzato per finanziare la visita del Papa l’anno scorso», ha sottolineato Malcolm Bruce, deputato alla guida della commissione sullo sviluppo internazionale. «Il governo deve spiegare precisamente a che cosa è servito questo denaro e come questo rientra nelle attribuzioni dell’aiuto all’estero», ha aggiunto Bruce. L’aiuto allo sviluppo non fa parte in questa fase dei settori sottoposti ai rigorosi tagli di bilancio decisi dal governo di David Cameron. Protesta anche l’organizzazione per la riduzione della pressione fiscale TaxPayers Alliance.

    Scusami se ho usato un linguaggio troppo TURPILOQUIO, non volevo offendere NESSUNO!

    In questo caso, seconde me, ha sbagliato il governo brittanico !

    G
    Fonti:
    http://www.unita.it/mondo/usati-fondi-della-cooperazione-br-per-viaggio-del-papa-a-londra-1.270052

      • Giovanni Ugo
      • 19 marzo 2011

      Certo che ha sbagliato il governo britannico. Però ha sbagliato anche il Papa a non informarsi e a non rifiutare quei soldi. 😉

  1. Hey there! Someone in my Facebook group shared this site with us so I came to give it
    a look. I’m definitely loving the information. I’m bookmarking
    and will be tweeting this to my followers! Wonderful blog and superb style and design.

  2. Flash web designers will like the cost and
    the creativity of the Trendy Flash Site Builder. There are many web designers
    who charge huge amount of money to do this job for you.
    The specific combination of reps, sets, exercises, and weight depends upon
    the desires of the body builder.

  3. Now, there are hundreds of programs available ranging from free to hundreds of dollars, including everything from a bare bones setup to an all inclusive image editing suit.
    He knew the system well enough to not pay many of his suppliers and sub-contractors,
    then would cover it up up by handing out fake lien releases to make it
    look like they were paid. Html form builder renders
    efficient service to online business companies to create
    any sort of online form to integrate it into their website and
    receive incoming information from online visitors.

  4. Save All Paperwork: Whatever paperwork arrives with your parts
    or which is provided from the seller should be maintained.

    It’s a good idea to have separate email promotions for prospects and customers, too, because you typically need to send different information to the different groups. Once safely at Thebes, though, the obelisks were brought to the temple at Karnak with much fanfare.

  5. certainly like your web-site however you need to test the spelling on quite
    a few of your posts. A number of them are rife with spelling problems and I to find it very bothersome to tell the truth however I’ll definitely come back again.

  1. 16 marzo 2011
  2. 9 giugno 2011
    Trackback from : Radio L’onda | Mortacci
  3. 8 marzo 2012
    Trackback from : Radio L’onda | Cianuro
  4. 24 maggio 2014
    Trackback from : restaurant promotions
  5. 13 giugno 2014
  6. 27 giugno 2014
    Trackback from : weave hair extensions perth

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: